sabato 23 agosto 2014

Ebook: La Via dei Re - Brandon Sanderson

Link Acquisto Amazon
Link Acquisto epub


Attenzione, attenzione, Signore e Signori, ci troviamo innanzi ad una delle migliori opere di fantasy degli ultimi anni.
“La Via dei Re” di Brandon Sanderson è un capolavoro che porta prestigio al fantasy moderno e dovrebbe avere la forza per rilanciarlo, spazzando via vampiri, angeli e teenagers diafani e bellocci.


Mi tolgo subito qualche sassolino dalla scarpa, prendendomela con casa editrice e traduttori dell’opera.
Fanucci? Fanucci?! 25,50 euro per un libro sono una cifra folle, ve ne rendete conto?! Anche senza andare a scomodare la vecchia e cara Lira (50.000 lire per un romanzo O_O). Così come i 7,99 Euro per un ebook (nel momento in cui scrivo è attiva un'offerta sull'ebook venduto in questi giorni a 4,99 Euro)! Siamo al delirio… a prescindere dalla qualità dell’opera per l’amor del cielo, ma non siamo nel medioevo dove ogni sacrosanto tomo veniva vergato da un amanuense con penna e calamaio ed assumeva le vestigia di un’opera d’arte. 25,50 euro per uno stampato è un furto. Non si discute!
Appresso, per i traduttori: Stratopiastre, stratolame, folgoluce, luminobili, animutanti?! Non dubito che le direttive vengano loro impartite direttamente dalle case editrici nostrane convinte che il volume di Sanderson da più di 1.100 pagine venga letto dal qualche sbarbatello, ma dannazione, dubito fortemente che i termini in lingua originale suonassero così “fanciulleschi” e poco consoni al contesto crudo dell’epopea imbastita dall’autore. La Via dei Re non è La Bussola d’Oro, dannazione! Sono due cose diverse, due target diametralmente opposti!
Alti ideali che si scontrano con la pragmaticità e brutalità del “fine che giustifica i mezzi”. Stralci di capitoli che paiono veri e propri trattati su etica e moralità, personaggi poliedrici in chiaroscuro, il tema del suicidio come facile scappatoia, e mille chicche e spunti di riflessione che rimandano alla società contemporanea. Questo è fantasy di Alto Livello. Mondadori, Armenia, Fanucci, N&C, sveglia!!! Prendetevi la briga di leggere quello che pubblicate e risettate il target per cortesia!
“La Via dei Re” presenta alcuni fra i personaggi meglio caratterizzati che io possa ricordare: Kaladin, Dalinar, Jasna e Shalla e l’assassino che piange mentre uccide le proprie vittime ed il cui nome esotico ora non ricordo. Eccezionali.
Approfondimento psicologico e comportamenti mai forzati, eppure capaci di originare una trama mai scontata, anzi ricca di sorprese architettate sapientemente. Un world building eccellente, originale e ben riuscito senza dover ricorrere alle razze del fantasy classico e senza lesinare in scenografie e location visionarie. Una mitologia creata ad hoc, con espliciti rimandi (e critiche) alle chiese desiderose di assurgere al potere temporale, oltre che a quello spirituale che compete loro.
Religione, società a caste, schiavismo, arrivismo, odio e prevaricazione del più “civile” verso il “selvaggio”, sono tutti ingredienti noti, ma che l’autore riesce ad amalgamare ottenendo qualcosa di molto particolare e innovativo, con un finale nel quale le diverse linee narrative si ricongiungono in modo non artefatto, ripagando il lungo percorso intrapreso sulla via dei Re. Unica nota “negativa”… il volume non è autoconclusivo e non presenta un punto fermo alla fine, ma semplicemente interrompe la narrazione rimandando al successivo della Saga, ingenerando nel lettore una buona dose di furia omicida, visto che al momento Sanderson deve ancora sfornare il seguito…
Comunque ritorniamo agli aspetti positivi che ci permetteranno di pazientare.
… e poi scontri, battaglie epiche e indimenticabili senza buoni e cattivi, ma solo masse di uomini che si affrontano per preservare la propria vita. Sudore e sangue. Violenza ed eroismo, forzato o meno che sia. Brutalità, realismo e cinismo. Nel romanzo di Sanderson c’è proprio tutto: sotterfugi, tranelli, spionaggio e colpi di scena. Un’opera matura e imperdibile, e soprattutto capace di far riflettere chi sia disposto a leggere fra le righe.

BIG Vs Indie

Dopo la sviolinata a Sanderson ammetto che non sia facile scovare un indie da contrapporgli, ma questa è la mia missione, giusto? Non sentendomela di designare una vittima sacrificale da immolare, opto quindi per il consigliarvi il mio “Mondo Uno”.
Salgo sull’altare insomma, mi straccio la veste e mi dipingo un bersaglio all’altezza del cuore, pronto al peggio ^_^




 Mondo Uno di Andrea Zanotti
(al momento in cui scrivo l'ebook è in offerta a 2,49 Euro)

5 commenti:

  1. 25.50 E con lo sconto, perché di listino La via dei Re costa 30 E.
    Parole di Luce, secondo volume delle Cronache della Folgoluce, che dovrebbe uscire in autunno (dovrebbe essere ottobre), secondo quanto letto in rete (Wuz), verrà venduto da Fanucci a 35 E.
    Per non parlare degli e-book della Ruota del Tempo : 17 E per Le Torri di Mezzanotte.
    La cosa peggiore è che c'è chi difende e giustifica Fanucci per questo modo di fare.

    RispondiElimina
  2. 35 Euro? O_O
    Non posso crederci... è pazzia!

    RispondiElimina
  3. Aspetto conferma, ma questo è quanto riporta Wuz.
    Il bello è che a far notare ciò si passa per fare critiche troppo dure e ingiuste, che se non va bene c'è sempre la biblioteca se si vuole leggere il libro. Ma se si continua ad aumentare il costo di 5 E a volume il rischio di non vendere e non continuare a pubblicare non è tanto remoto e dopo è sicuro che in biblioteca non ci arriva. Non sarà un caso che il numero di chi legge in lingua originale stia aumentando.

    RispondiElimina
  4. In effetti anche nella mia piccola cerchia di amici posso confermare che la tendenza è proprio quella, giustamente anche. Sta di fatto che gli editori italici dovrebbero iniziare a riflettere sulla loro competitività.
    Piuttosto di farmi derubare di 35 E, mi do alla pirateria! E' legittima difesa in questo caso...

    RispondiElimina
  5. Di materiale per riflettere ne avrebbero: basta solo guardare sulla pagina facebook di Fanucci, dove tante sono state le critiche sui prezzi dei loro libri. Ma l'editore non li ascolta minimamente, ignorandoli e sottolineando solo le sviolinate e chi li supporta.

    RispondiElimina