venerdì 23 maggio 2014

Film: World War Z


Link Acquisto DVD


World War Z, diretto da Marc Forster, è la trasposizione cinematografica del romanzo World War Z. La guerra mondiale degli zombi di Max Brooks del 2006.
Trama:
Quella che per Gerry Lane e famiglia sembra una giornata come le altre si rivela ben presto essere l'inizio di una tragedia a scala mondiale. Una terribile infezione che rende gli esseri umani simili a zombie si scatena a Filadelfia e nel resto del globo. L'origine del virus è sconosciuta e il governo statunitense offre riparo alla famiglia Lane a bordo di un'imbarcazione federale, a patto che Gerry, ex funzionario delle Nazioni Unite, parta alla ricerca di un rimedio insieme ad un giovane virologo, Fassbach. Gerry vola quindi a Camp Humphreys, una base aerea statunitense in Corea del Sud, dove si hanno notizie di un possibile paziente zero. Appena atterrati, Gerry, Fassbach ed il resto della squadra vengono attaccati dagli zombie e Fassbach, preso dal panico al primo incontro ravvicinato, inciampa durante la fuga venendo colpito fatalmente da una pallottola, partita accidentalmente dalla sua stessa pistola. In aiuto alla squadra arrivano dei soldati che si erano barricati nella base, al seguito del capitano Speke. Ben presto Gerry capisce che la base non può dargli informazioni utili, ma in essa interroga Gunther Haffner, un agente CIA rinnegato e imprigionato per aver venduto armi ai nordcoreani, che lo indirizza a Gerusalemme. Da qui in avanti sarà una corsa contro il tempo in giro per il globo fino a scoprire l’arcano: gli zombie attaccano solo le persone sane, percependo invece le malattie terminali di certi individui e oltrepassandoli. L'unica soluzione per Gerry rimane quella di procurarsi un virus di malattie letali, in modo da sperimentare l'efficacia o meno di questo pseudo-vaccino.
Nel finale, vengono mostrate scene dello sterminio degli infetti in varie città (Mosca, Venezia, Parigi), durante quella che viene definita la World War Z (guerra mondiale contro gli zombie), mentre in sottofondo la voce di Gerry invita a non mollare mai, ad agire con coraggio e ad aiutare il prossimo. La guerra non è ancora finita.

Parere:
Da qualche tempo a questa parte il genere apocalittico va per la maggiore in tutti i settori dell'intrattenimento. Non so se sia dovuto ai sempre più frequenti e devastanti cataclismi scatenati dalla natura per difendersi dall'uomo, o più semplicemente a causa della follia conclamata e irreversibile di quest’ultimo che continua a propugnare un modello di sviluppo fallimentare basato sul "produci-consuma-crepa", sta di fatto che i libri/film/games basati su eventi catastrofici prolificano in modo inquietante.
WWZ rientra a pieno titolo fra questi, fregiandosi di un cast importante, rpimo fra tutti il belloccio Brad Pitt.
Che dire, non c’è molto da segnalare o commentare. Solita americanata, molta azione e pochi spunti d’originalità. Zombi a profusione che a inizio film paiono del tutto inarrestabili e invincibili, ma che mano a mano si scopre abbiano dei punti deboli.
Quindi nulla da dire sulla maestosità di alcune scene e sul coinvolgimento che ne deriva, ma se siete in cerca di qualcosa di nuovo, mi spiace, meglio volgersi altrove. E dire che leggendo tanti autori indipendenti ce ne sarebbero un bel po’ di idee originali da poter trasporre sul video… mah, si vede che ogni innovazione/cambiamento che vada oltre il classico comporta degli sforzi che le case produttrici cinematografiche, così come quelle editrici, non sono disposte a fare.
La cosa che più mi ha colpito sono state le scene girate a Gerusalemme. Veramente spettacolare la scenografia composta da stralci di mura, vicoletti e torri di un antico passato in aperto contrasto con le fortificazioni e strutture ultramoderne. Devo ammettere che mi è venuta una gran voglia di visitare la Città Santa.

Per il BIG vs Indie



La guerra mondiale degli zombi di Max Brooks






Sopravvissuti di Matteo Cortini




Ho letto il libro di Matteo Cortini e l'ho trovato gradevole. Narrato in prima persona risulta molto coinvolgente e dal ritmo serrato. Consigliato!


Nessun commento:

Posta un commento