venerdì 5 dicembre 2014

Disfida nr. 12: Non tutti i principi nascono azzurri di Andrea Gatti

Link Acquisto Amazon
Link Acquisto epub



Titolo opera: Non tutti i principi nascono azzurri
Autore: Andrea Gatti
Formato: ebook (Epub / Mobi)
Genere: Avventura / Umoristico / Fantasy
Prezzo: 2,99€

Sinossi:

Layne Cantrell non è un principe azzurro.

Per uno scherzo del destino, però, è nato nel Regno Capitale, patria dei principi azzurri, e come se non bastasse la sua famiglia l’ha praticamente inventata la professione, molti anni or sono: Arcival Cantrell, il primo paladino, colui che salvò il regno dai pirati, colui che sconfisse il drago, colui che… bla bla bla.
Ci sono così tante leggende sul suo conto che in ognuna ha i capelli di un colore diverso e la sua principessa non ha mai lo stesso nome.




Sono solo storie, ma purtroppo il padre di Layne non la pensa allo stesso modo.
Lui sì che è un vero principe azzurro, anche se ormai tende al giallino – sapete, è un po’ itterico. Be', fatto sta che crede ciecamente nella superiorità della sua famiglia ed è convinto che non possa fallire. Mai.
Layne invece fallisce. Spesso.
Fa uscire suo padre di senno.

Dopo anni di delusioni, però, l'anziano principe è riuscito a incastrare suo figlio: l'ha iscritto all’Accademia per Principi Azzurri™, "un pozzo senza fondo dove i sogni se ne vanno a morire" – secondo Layne – nel quale spera che gli venga la voglia di essere un principe azzurro per davvero.
Del resto, cosa può essere più efficace che vivere in cattività assieme ad altri cento ragazzotti sudati pronti a compensare qualsivoglia mancanza con spade d’acciaio.

Quello che Layne non sospettava è che proprio suo padre, il principe azzurro, sarebbe scomparso in mezzo al deserto.
Quello che nessuno sospettava è quanto rapidamente possano mischiarsi i colori quando tutto va a rotoli.

Perché tutto rotolerà.

Oh, se rotolerà.


Note dell'Autore:
Ciao, sono l'autore di questo libro!

Non mi piace molto parlare di me. Non mi prendo troppo sul serio, quindi mi fa una strana impressione dovermi presentare. Che toni uso? Faccio il grosso? Faccio il modesto? Facciamo che sto zitto, che è meglio.

Del libro, invece, ne parlo volentieri:

Non siete stufi di tutti i thriller e gialli e romanzi di famosi che intasano le nostre librerie? Dico anche a voi, con Fabio Volo sotto un braccio e Faletti sotto all'altro.

Io sì.

I miei autori preferiti, neanche a farlo apposta, sono tutti stranieri. Christopher Moore, Nick Hornby, David Sedaris... Gente che, come me, non si prende troppo sul serio. E nemmeno i loro libri.

E in Italia? Certo, c'è Benni, ma per quanto umoristico e leggero possa essere un suo libro, non è davvero leggero. Adoro Benni, ma c'è sempre una morale di fondo, un messaggio più alto. E a volte troppo nonsense.

Non sto dicendo che la morale sia sbagliata, ma... No, non so cosa sto dicendo.

Facciamo che sto zitto di nuovo e vi lascio al libro, che è ancora meglio.



BIG da sfidare: 





Buon Apocalisse a tutti!  di Terry Pratchett & Neil Gaiman


Nessun commento:

Posta un commento