martedì 1 aprile 2014

Film: Timeline - ai confini del tempo

Link Acquisto


Timeline - Ai confini del tempo è un film di fantascienza del 2003 diretto da Richard Donner, tratto dall'omonimo romanzo di Michael Crichton (quello di Jurassik Park per intenderci ^_^).
La tagline del film recita: «Immagina di essere nel Medioevo e di non poter tornare indietro.»
…e io rispondo MAGARI!!! Un sogno.
I protagonisti, un equipe di archeologi, si ritrovano a dover cercare il capo della loro spedizione di scavo, sparito improvvisamente. Scopriranno che la causa è legata agli esperimenti condotti dall'Istituto di ricerca (più o meno al limite della legalità) che sponsorizza le loro attività, che per una serie fortunosa di concause si è ritrovata a scoprire un tunnel spazio temporale che conduce immancabilmente nello stesso posto e nello stesso tempo: la Francia del XIV secolo, nel bel mezzo della guerra dei 100 anni.
Un film leggero, per passare un oretta e mezza in relax. Né più né meno. Gradevole l'assedio finale con i mangani e il fuoco greco.
Lo spunto di riflessione più interessante del film a mio avviso è in effetti proprio la differente reazione da parte dei due giovani archeologi, entrambi innamorati del proprio lavoro e del passato, che si ritrovano a divenire protagonisti dell'epoca che fino a quel momento si erano limitati a studiare e a far riemergere dalle sabbie.
Una volta calati nella realtà dell'epoca i due hanno reazioni diametralmente opposte: uno, trovando l'amore, decide di rimanerci, l'altra, vissuta sulla propria pelle la brutalità imperante, è ben lieta di tornare ai tempi moderni.
Insomma, per tutti gli amanti delle epoche andate, come me, è l'occasione per pensare a cosa faremmo se effettivamente ci si presentasse la possibilità di "viaggiare nel tempo". Personalmente, rifacendomi alla citazione del Giudice di Cormac McCarthy, non avrei problemi ad andarmene da questa società agghiacciante per vivere in un posto decisamente più a contatto con la "vita secondo natura", non intendendo questa con finti sentimentalismi o idealizzazioni più o meno stereotipizzate, ma la natura selvaggia dell'uomo, con tutte le sue pulsioni, anche violente.
Ora che ci penso, un altro spunto proviene dal film: la fallacità della scienza moderna. Il fatto che il tunnel spazio/temporale sia stato trovato per caso e che gli stessi scopritori non riescano a replicarlo quando questo accidentalmente salta per aria, è una trasposizione quanto mai realistica della scienza moderna, che, per quanto professi sicurezza e certezze e sbandieri con orgoglio il predominio del raziocinio su tutto il resto, in realtà brancola nel buio su gran parte di ciò che ci circonda.
Big vs Indie
Timeline di Michael Crichton
Link Acquisto



BIG








Il Pozzo degli dei di Gianluca Turconi


Link Acquisto





Indie







Scontro alla pari. I temi trattati sono molto simili. A voi l'ardua sentenza. Personalmente ho trovato il Pozzo degli Dei un ottimo ebook e faccio i miei personalissimi complimenti all'autore Gianluca Turconi!











Nessun commento:

Posta un commento